8 febbraio 2009: The watcher….. l’abbiamo sconfitto!!

12 febbraio, 2009

Venite qui, mettiamoci attorno al fuoco….voglio raccontarvi la storia dei Figli di Eorl: di come hanno sconfitto il Watcher!!  Sì.. sì, avete capito bene, un manipolo di soldati scelti e capitanati da Lord Theomund, riesce dove molti hanno fallito. L’otto febbraio 2009, terza era, questa data rimarrà alla storia per il compimento dell’uccisione dell’osservatore.

Uno scontro non affatto facile, contro l’osservatore, dove la sfida maggiore era vincere la paura. Il suo aspetto terrificante, infatti, rendeva molto difficile la lotta. I soldati temporeggiavano dal colpirlo, per paura di scatenare la sua ira. Nell’aria si sentiva un fetore nauseabondo, l’acqua stagnante dove lui galleggiava era putrida ed emanava una sinistra nebbiolina tossica. I suoi occhi, per chi riusciva a scorgerli, erano tetri e minacciosi, capaci di drenare le forze al solo sguardo. Da una parte c’era lui e dall’altra: i dodici. All’urlo del loro leader: “FORTH EORLINGAS!” i guerrieri si buttarono addosso al mostro. Riluttante e fiero di sé, con i suoi cento tentacoli non cedeva terreno ma controbatteva colpo su colpo, finchè il morale degli impavidi iniziò a scemare. Mancava poco per la disfatta, ma il capitano Theomund vedendo che i suoi uomini stavano cadendo preda dello sconforto, si mise a incitarli: prima uno ad uno e combattendo a loro fianco, poi, raggiunta una piccola altura si mise a incitarli tutti insieme gridando: “CONTINUATE A COLPIRE, CONTINUATE A COLPIRE!! Non possiamo permetterci di perdere, abbiamo fatto un giuramento alla gente libera. Abbiamo giurato di difendere la Terra Di Mezzo ad ogni costo. Non possiamo perdere. Cosa direbbero i nostri compagni caduti. Cosa direbbero vedendoci arrancare verso la sconfitta. Abbiamo un solo obbiettivo, VINCERE !!” Al suono di quelle parole una luce comparve tra di loro. Una luce in quel posto tetro. Una luce che donò una nuova speranza agli intimoriti cuori di quei guerrieri. Si guardarono, convinti di potercela fare, e rinnovarono di nuova forza tutti gli attacchi diretti al mostro. Sotto quei nuovi potenti colpi, il mostro non poteva più difendersi e indietreggiando cercava di proteggersi, ma a nullà servì la sua ostinatezza.

Il nano Durnik dietro al suo scudo respingeva ogni attacco, Fedalion e Dalraick potavano i tentacoli di troppo, Billyjoe e Osmiza rincuoravano i cuori affranti, Endacil con l’aiuto della natura proteggeva i combattenti, Encthelion, assieme a Themund, incitava i compagni e guidava i loro colpi. Dietro di loro, Glondel, Finrad, Erildan e Giliorin con i loro archi, trafiggevano ogni parte dell’osservatore. Fino a quando Lord Theomund con un ultimo urlo alzò la sua alabarda, gli arcieri incoccarono le ultime frecce caricando l’arco fino allo stremo. “FORTH EORLINGAAAAS!!” gridò Theomund, al suo comando le frecce partirono trafiggendo senza pietà il mostro che, ormai stremato dai colpi ricevuti, lanciò un ultimo grido e si lasciò andare alla sconfitta.

Con commozione sono qui a narrare le gesta di quei guerrieri che hanno portato un po’ di tranquillità alla Terra di Mezzo, consci del fatto che tra non molto una nuova ombra uscirà dalla sua tana per portare terrore e distruzione tra la gente libera.

Tutto questo è avvenuto in un raid tutto di gilda e tutti italiani, con orgoglio e anche con un po’ di sfortuna, perchè ci hanno preceduti di qualche giorno i nostri connazionali del Server Laurelin, I Custodi della Fiamma di Anor.

Non posso che dire: “Gloria e Onore ai Figli di Eorl !! E lunga vita a Lord Theomund”.

(mi sono divertito tantissimo a scrivere questo racconto e mi sono lasciato coinvolgere troppo dalle emozioni, comunque spero vi sia piaciuto)

alla prossima..

Annunci

Un nuovo nemico: “The Watcher”

23 gennaio, 2009

Dopo aver sonoramente bastonato più volte il “balroghino” del Rift, gli impavidi Figli di Eorl capitanati dal valoroso Theomund, riescono a varcare le porte di Moria. L’antica roccaforte dei nani caduta in rovina dopo che i padroni di casa, scavando per cercare il mithril, hanno erroneamente svegliato un antico demone di Morgoth: il Balrog. Le miniere di Moria adesso nascondono nuovi e terribili inquilini, che vogliono tenere il controllo delle miniere, ma insieme a noi sono entrati anche i vecchi proprietari delle miniere: i nani. E i nani, cocciuti come sono, non vogliono certo lasciare il loro “orgoglio” nelle mani di orchi e goblin che zozzano d’appertutto. Liberata dalle macerie la porta di Durin, i nostri amici hanno dato solo un’occhiata, un attimo prima di entrare, a quello che è il vero pericolo di Moria. Nascosto tra le nere acque giace in attesa l’Osservatore.

L’Osservatore, chiamato in origine “the watcher”, è un nemico assai periglioso per i nostri impavidi guerrieri, ed è per questo che Lord Theomund ha chiamato a consiglio tutti i suoi ufficiali per studiare una degna strategia contro il mostro dell’Oscuro Sire. Inutile dire che le comuni armi non hanno effetto e anche le armature comuni sono poco utili contro un sìffatto  nemico. Quindi adesso, le file dei Figli di Eorl stanno esplorando tutte le miniere per trovare antiche vestigia e antiche armi, temprate dalle ere addietro in leggendarie battaglie. Mentre i migliori strateghi stanno studiando come affrontare la battaglia, i nostri esploratori raccolgono tutto il materiale utile per rinforzare il battaglione che si sta preparando per l’ardua battaglia.

Confidando nei suoi uomini Lord Theomund si prepara a dare battaglia a questo antico nemico della Terra di Mezzo, per portare di nuovo una speranza in mezzo alle genti. Siamo sicuri che anche nei meandri bui di Moria, quando tutte le speranze staranno per svanire, si leverà alto il grido: FORTH EORLINGAS !!!


Resoconto di guerra: mercoledì 1 agosto ore 23:00

2 agosto, 2007

Il sole era ormai al tramonto, io Harstak, uruk commander, e il mio fidato black arrow Ruhk, stavamo procurando cibo per le nostre truppe. Assieme ad altri colleghi ci accanivamo senza pietà contro i soliti vermoni del fango, procacciando cibo di riserva per una imminente guerra.
Ad un certo punto in tamburi si misero a suonare spargendo, come il vento d’autunno sparge le foglie secche, il richiamo alle armi: i free peoples (da ora freeps) stavano attaccando.
Appena captato l’allarme ci dirigemmo a Tol Ascarnen, ma lì la situazione era tranquilla. Poi giunse un nuovo messaggio: i freeps stanno attaccando Tirith Rhaw. Subito corriamo verso TR con il furore negli occhi per ricacciare i tanto odiati freeps e riportare tranquillità nei nostri domini. Nella corsa forsennata verso la fortezza in pericolo, ci unimmo ad un gruppo molto numeroso di warg e ragni, inutile sottolineare la maestosità di tale esercito.
Giunti nei pressi di TR iniziammo a vedere guardie morte e per fortuna anche tanti freeps morti, la situazione era più tranquilla di quel che si pensasse, benché fossero riusciti ad arrivare al secondo piano, i troll di guardia avevano stroncato la minaccia sul nascere e ai pochi freeps superstiti che scappavano, non rimaneva che soccombere nell’incontro con il nostro squadrone.
La situazione dopo questa piccola battaglia era questa: un ammasso di squadre pronte a colpire.

Pronti a colpire

Da lì decidemmo di attaccare e riprenderci il lumber camp, ma dopo aver mosso attacco al campo ed esser stati duramente respinti a costo di molte perdite, fummo costretti a ripiegare a Tol Ascarnen. A causa delle perdite subite grazie a quell’attacco al LC, perdemmo subito il ponte..

Il ponte è perso

Con il ponte così perso ripiegammo nella rocca dove iniziò un tira e molla all’ultimo sangue con i freeps, una marea di fratelli caduti nella speranza di ricacciare gli invasori. Con gli arcieri disposti sulle scale e sul bastione tennemmo duro fino all’ultimo orco, ma poi riuscirono a conquistare le scale e lì la battaglie sembrò persa….

Ma con un ultimo atto coraggioso di pochi uruk riuscimmo ad accerchiare ed annientare lo squadrone dei freeps riusciti ad arrivare fino al secondo piano di TA. Pochi superstiti riuscirono a vedere la luce del nuovo giorno. Ma i molti sopravvissuti, racconteranno la tenacia dei fratelli caduti per tenere ancora per qualche ora i freeps fuori dalle….nostre mura…

GWASH!!! Fratelli orchi!